Comunicarte Edizioni
 
>>Ricerca avanzata
  La casa editrice  |  Il mio account  Acquista  |   News  |   Librerie \ Bookshops |   Links  |   Rassegna stampa  |   Blog
  Home Page » Catalogo » Carte Comuni »
Novità
Caffè San Marco. Un secolo di storia e cultura a Trieste
Caffè San Marco. Un secolo di storia e cultura a Trieste
25.00€
Catalogo
Soloparole (1)
Carte Comuni (16)
Carte di Mare (3)
CartaStorie (2)
Edizioni Speciali (2)
Storia (8)
Educazione&Infanzia (4)
Turismo
Arte&Architettura (3)
Cataloghi d'arte (9)
Revoltella Contemporaneo (3)
Informazioni
Spedizioni e Pagamenti
Privacy
Contattaci
Pane, brodo e minestre Cibo di poveri, ammalati, bambini, soldati, marinai e carcerati nella Trieste asburgica 1762-1918
20.00€
autore: Diana De Rosa
ISBN: 978 88 6287 075 7
anno: 2013
pagine: 280 illustrate a colori
formato: 15x19,5
rilegatura: brossura con alette
lingua: italiano
collana: carte comuni

Sulle tavole lussuosamente imbandite dell’aristocrazia e della borghesia e su quelle più umili ma territorialmente molto variegate e vivaci della cucina popolare hanno scritto in tanti. Poco o nulla però è stato scritto su quella cucina tutta particolare che riguarda il cibo destinato agli ospiti degli istituti di assistenza e beneficienza. Diana De Rosa ci conduce dentro le cucine di quelle istituzioni che hanno avuto come loro compito quello di nutrire persone già debilitate dalla malattia o dalla povertà. Si tratta di un viaggio – accompagnato da disegni e fotografie d’epoca inediti – che inizia alla fine del Settecento e si conclude negli anni della Grande Guerra, attraverso ospedali, istituti per i poveri, scuole per l’infanzia e per orfani della città di Trieste. Un viaggio fatto di brodi, farinate, ­minestre di riso e paste secche ma dove non manca neppure la carne e dove si fa grande uso del burro. Ma quando la crisi economica si fa sentire, la soluzione diventa la zuppa alla Rumford, fatta di fagioli, orzo e ossa di maiale, insomma il manifesto della povertà. Il libro esplora anche altre zone del mangiare in comune: l’alimentazione dei soldati, con i problemi di approvvigionamento, dei marinai, con la ricerca di nuovi metodi di conservazione degli alimenti, e dei detenuti, per i quali il cibo distribuito dipendeva molto dal loro comportamento. In chiusura, un approfondimento sulla cucina di un ­convento di monache benedettine, dove le pietanze erano certamente meno povere ma dove analoga era la netta separazione dal mondo esterno e l’osservanza di rigide regole di condotta.

Scarica il file allegato "scheda_pane_brodo_DE ROSA.pdf"

I clienti che hanno comprato questo libro hanno comprato anche...
Cosulich. Dinastia adriatica
Cosulich. Dinastia adriatica
Francesco Penco. Trieste e Fiume in posa
Francesco Penco. Trieste e Fiume in posa
Unica. Voci e colori di un paesaggio
Unica. Voci e colori di un paesaggio
Memorie di pietra. Il Ghetto ebraico, Città vecchia e il piccone risanatore
Memorie di pietra. Il Ghetto ebraico, Città vecchia e il piccone risanatore
Carlo Cossutta. Un tenore venuto dal Carso
Carlo Cossutta. Un tenore venuto dal Carso
Carrello acquisti
il carrello è vuoto
Comunicazioni
ComunicazioniComunica gli aggiornamenti di Pane, brodo e minestre Cibo di poveri, ammalati, bambini, soldati, marinai e carcerati nella Trieste asburgica 1762-1918
Community
facebooktwitter