Solecchio sull’onore di Stelio Crise

On 26 luglio 2013 by comunicarte_edizioni

Onesto è aggettivo molto vicino al sostantivo astratto onore, perchè conforme alla virtù – degna sempre d’onore – e al decoro, che dell’onore è adornamento grande.
Onesta è l’azione che tocca il cuore e lo illumina di speranza buona.
Onesto è il pensiero pulito e netto. Onesto è lo slancio generoso, entro preciso limite d’umano disinteresse. Onesta è l’aurea mediocrità. Perciò eroi e poeti onesti non sono.
E onesti non possono essere detti i santi: santi sono e basta.
Sono invece onesti la donna amata e l’uomo amato? Perchè dovrebberlo esserlo se entrambi sono amati, per lo più, non per i loro pregi?
Ma tutti gli uomini vogliono essere onesti e da tutti esigono d’essere stimati tali. Questa esigenza, però, onesta proprio non è. Così come è disonesto in sommo grado chi proclama d’essere onesto.
Ma, allora, chi è onesto?
Dovrebb’esserlo ogni uomo, certamente.
Sempre?
Forse sarebbe sufficiente lo fosse una volta sola. Magari in una vita intera.

(I libretti di mal’aria, 264, agosto 1978)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>